Home | Rassegna Stampa | Il Governo chiamato LETTA diretto da Berlusconi non si tocca. Anche Napolitano ci si mette a GUARDIA.
paese in ginocchio

Il Governo chiamato LETTA diretto da Berlusconi non si tocca. Anche Napolitano ci si mette a GUARDIA.

Anche il Capo dello Stato difende questo GOVERNO FANTOCCIO delle larghe BRAGHE DISTESE.

Il Paese è alla deriva ma per loro TUTTO VA BENE e stiamo “CRESCENDO” ma tutti i numeri li smentiscono. Ma questi lo capiscono che siamo a rischio DEFAULT e che l’ECONOMIA è distrutta per COLPA LORO?

Devono andarsene TUTTI, e lasciare i cittadini ad occuparsi del PAESE, sicuramente faranno di meglio anche perchè fare peggio è impossibile.

Napolitano blinda il governo e nasconde i conti sotto il tappeto. Per la prima volta nel suo mandato, il presidente della Repubblica ha incontrato il ragioniere generale dello Stato. Perché? Ve lo diciamo
noi:

  • – Debito pubblico: record a 2.074 miliardi, veleggiamo verso il 130% del Pil;
  • – Debito aggregato di Stato, famiglie, imprese e banche: 400% del Pil, circa 6 mila miliardi;
  • – Pil: atteso un altro -2% quest’anno. Si aggiunge al -2,4 del 2012;
  • – Rapporto deficit/Pil: 2,9% nel 2013. Peggioramento ciclo economico Imu, Iva, Tares, Cassa integrazione in deroga lo portano ben oltre la soglia del 3%;
  • – Prestiti delle banche alle imprese: -5% su base annua nei mesi da marzo a maggio. In fumo 60 miliardi di prestiti solo nel 2012;
  • – Sofferenze bancarie: a maggio sono salite del 22,4% annuo a 135,5 miliardi;
  • – Base produttiva: eroso circa il 20% dall’inizio della crisi;
  • – Ricchezza: bruciati circa 12 punti di Pil dall’inizio della crisi. 200 miliardi circa;
  • – Entrate tributarie: a maggio -0,7 miliardi rispetto allo stesso mese di un anno fa (a 30,1 miliardi, -2,2%). Nei primi 5 mesi del 2013 il calo è dello 0,4% rispetto ai primi 5 mesi del 2012;
  • – Gettito Iva: -6,8% nei primi 5 mesi del 2013, un vero disastro;
  • – Potere d’acquisto delle famiglie: -94 miliardi dall’inizio della crisi, circa 4mila euro in meno per nucleo;
  • – Disoccupazione: sfondata quota 12,2%, dato peggiore dal 1977;
  • – Disoccupazione giovanile: oltre il 38%;
  • – Neet: 2,2 milioni nella fascia fino agli under 30, ragazzi che non studiano, non lavorano, non imparano un mestiere, totalmente inattivi;
  • – Precariato: contratti atipici per il 53% dei giovani (dato Ocse);
  • – Ammortizzatori: 80 miliardi erogati dall’Inps dall’inizio della crisi tra cassa integrazione e indennità di disoccupazione.

Giulia Sarti