Home | Attività Parlamentare | Tutti sanno …. ma nessuno risponde, soprattutto il venerdì
Il Ministero non risponde su Francesco Sperti
Il Ministero non risponde su Francesco Sperti

Tutti sanno …. ma nessuno risponde, soprattutto il venerdì

Da mesi sto denunciando la presenza  di un funzionario al Ministero dell’Interno, tale Francesco Sperti, capo staff dell’Ufficio Programmazione e rapporti con il Cnipa,  raggiunto nel gennaio scorso da un’ ordinanza di custodia cautelare. Nell’ordinanza  compare un’intercettazione telefonica nella quale lo stesso Sperti  lamentava ,con uno dei fratelli Righi, Luigi, la scarsità del denaro che i fratelli gli corrispondevano per i non meglio identificati servigi resi.  Si legge poi di seguito che, grazie alla sua posizione, Sperti abbia agevolato gli stessi in diverse pratiche amministrative. In questa intercettazione, il funzionario si lamentava pure di essere “trattato come un cameriere” e che avrebbero dovuto farlo almeno “caposala“.

I fratelli Righi sono stati arrestati a fine gennaio di quest’anno e sono accusati di associazione mafiosa per i loro legami con il clan Contini, dunque Camorra. Luigi Righi è considerato “figura preminente” dell’organizzazione criminale di stampo camorristico.

In sostanza, probabilmente, abbiamo dentro al Ministero dell’Interno un funzionario che pare essere a libro paga della camorra, prestava servizi, sfruttando la propria posizione all’ interno della P.A. e prendeva pure un bel compenso.

Di fronte a questa denuncia fatta in commissione antimafia il 3 febbraio, il ministro Alfano mi liquidava così:

 

 

La stessa denuncia l’ho fatta anche pubblicamente nella puntata di “Otto e Mezzo” del 16 aprile davanti al viceministro della Giustizia Enrico Costa:

 

 

Da notare che la posizione di Sperti risulta ad oggi aggravata anche da indagini delle procure di Paola e Cosenza, connesse al periodo 2008-2010 in cui Sperti fu commissario prefettizio ad Amantea, comune calabrese sciolto per infiltrazione mafiosa.

Dopo mesi di attesa, ho presentato prima un’interrogazione e ora una interpellanza urgente che si sarebbe dovuta discutere domani.

Nell’interpellanza si chiede di sospendere dal servizio Francesco Sperti, almeno fin tanto che la sua posizione giudiziaria non sarà giunta a chiarimento.

Il Governo, però, mi ha chiesto di rimandare alla prossima settimana perché non trovano nessun sottosegretario competente in materia che sia libero il venerdì pomeriggio e che possa venire a rispondermi.

Viva la serietà.

La mia interpellanza:

Commenti

  1. […] Tutti sanno …. ma nessuno risponde, soprattutto il venerdì sembra essere il primo su Giulia […]